Effetto sul Prurito

“Se soffri di prurito e non sai più cosa fare, devi sapere che puoi risolverlo con l’agopuntura proprio a Torino. Il dottor Giuseppe Fatiga è un medico esperto in agopuntura, e riceve a Torino in via Monte Santo 6. Chiamalo al 3405499616”

prurito agopuntura torino

Il prurito è dovuto ad un’irritazione delle fibre nervose della cute, che può riconoscere molte cause. Nello studio di agopuntura di Torino il dottor Fatiga valuta sempre, prima dell’inizio del trattamento, le possibili cause del prurito, verificando se il paziente si è sottoposto alle opportune visite dal medico di base e/o dallo specialista e agli appropriati esami di laboratorio.

Prurito “cum materia”. E’ un prurito dovuto a malattie della pelle ben precise, dove, oltre alle escoriazioni da grattamento, troviamo lesioni tipiche che segnalano una psoriasi,  una micosi, un eczema.

Prurito “sine materia”. E’ un prurito in pazienti che presentano sulla cute esclusivamente escoriazioni da grattamento, ma non altre lesioni dovute a precise malattie della pelle. Le cause sono per lo più dovute a disfunzioni o patologie degli organi interni.

Presenza di sali biliari nei tessuti. Gli acidi biliari, normalmente prodotti dal fegato,  circolano nelle vie biliari e raggiungono l’intestino, dove svolgono la loro funzione di facilitare l’assorbimento dei grassi di origine alimentare.

Nei disturbi che colpiscono il fegato e le vie biliari, come le epatiti e i calcoli, la circolazione degli acidi biliari in direzione dell’intestino è bloccata: il risultato è un loro accumulo nel fegato. L’eccesso, potenzialmente tossico per le cellule di questo delicato organo, viene in parte rimosso dalla circolazione sanguigna. Attraverso questa via i sali biliari  raggiungono la cute, dove irritano le fibre nervose, causando un irrefrenabile prurito, con lesioni da grattamento.

Allergie e parassitosi.  Alcuni “allergeni” introdotti con la dieta possono determinare intenso prurito attraverso la liberazione di istamina a livello della cute. L’istamina è una sostanza infiammatoria contenuta in alcune cellule situate a livello cutaneo, i cosiddetti mastociti: gli allergeni alimentari, assorbiti e trasportati fino alla cute, sono in grado di legarsi ai mastociti e di stimolare il rilascio dell’istamina contenuta al loro interno.

Anche i parassiti intestinali, come la Tenia (conosciuta come “Verme Solitario”), possono rilasciare sostanze allergeniche che vengono assorbite causando prurito cutaneo.

La diagnosi di queste condizioni viene confermata da un semplice dosaggio nel sangue delle Immunoglobuline E, che sono aumentate in tali condizioni e testimoniano la presenza di un’allergia. Anche l’aumento nel sangue dei “granulociti basofili ed eosinofili” è diagnostico di tali condizioni.

Le allergie rappresentano la causa del prurito cutaneo in non più del 10% dei casi.

Farmaci. Molti farmaci possono causare prurito, inducendo il rilascio di istamina a livello cutaneo. Tra i farmaci più utilizzati citiamo i farmaci “inibitori della pompa protonica” (come il lansoprazolo, omeprazolo, esomeprazolo…), i farmaci antipertensivi, i farmaci antinfiammatori non steroidei (come il diclofenac), le statine, la cardioaspirina.

Disfunzioni della tiroide.

I disturbi della tiroide sono molto frequenti, e possono causare un aumento della funzionalità tiroidea, chiamato “ipertiroidismo” o, più spesso, una riduzione della sua funzionalità, nota come “ipotiroidismo” (legato per lo più alla “tiroidite di Hashimoto”, molto frequente nelle donne).

Le alterazioni della tiroide sono in grado di irritare la pelle con vari meccanismi: attraverso alterazioni circolatorie, della sudorazione o della produzione di sebo, o inducendo fastidiosi stati di secchezza, oppure attraverso il deposito nella cute di sostanze “irritanti” ( i “mucopolisaccaridi”), come nel famoso “mixedema”.

Patologie del sangue, del sistema linfatico e del sistema immunitario. Molte patologie del sangue come le leucemie o i linfomi, oppure del sistema immunitario come il lupus e l’artrite reumatoide, possono causare prurito. Tuttavia di fronte al prurito, è molto raro che la causa sia una di tali patologie, essendo molto più frequenti altre condizioni tra quelle elencate.

Prurito senile. E’ molto frequente dopo i 70 anni e nella maggior parte dei casi non si trova una causa definita, ma piuttosto alterazioni della struttura della pelle dovute ad invecchiamento fisiologico.

Prurito psicogeno. E’ un tipo di prurito molto frequente, legato alle tensioni dei nostri stressanti ritmi di vita. Anche i disturbi d’ ansia, le depressioni e i cosiddetti disturbi di “somatizzazione” possono esserne la causa.

L’agopuntura, praticata a Torino dal dottor Fatiga, è estremamente efficace sul prurito di qualunque origine. Diversi studi hanno dimostrato la capacità dell’agopuntura, che sia praticata a Torino o in altri luoghi, di ridurre a livello cutaneo alcune sostanze infiammatorie come le “citochine”, e di impedire il rilascio di istamina da parte dei mastociti e dei granulociti basofili presenti nella cute.

In secondo luogo l’agopuntura induce rilascio di cortisolo, che è un potente antinfiammatorio.

Infine l’agopuntura praticata nello studio di via monte Santo 6 a Torino, è in grado di ridurre le tensioni e l’ansia che sono spesso presenti nel prurito di qualunque origine, sia come causa che semplicemente come conseguenza.

 

“Il prurito può essere curato con successo con l’agopuntura del dottor Giuseppe Fatiga di Torino.  Prenota la tua seduta telefonando al 3405499616”