IL COLLOQUIO DI COUNSELLING

“Il dottor Giuseppe Fatiga si occupa di disassuefazione dal fumo con agopuntura nel suo studio di Via Monte Santo 6 a Torino. Chiamalo al 3405499616 per prenotare un colloquio di counselling”

counselling

Vi sono sempre più evidenze scientifiche che il colloquio di counselling incrementi in modo significativo le probabilità di smettere di fumare. Il termine counselling si riferisce ad un colloquio clinico, effettuato da un personale qualificato esperto nella disassuefazione tabagica – preferenzialmente medico- finalizzato tanto all’inquadramento “diagnostico” del tipo di dipendenza da cui il soggetto affetto, quanto all’elaborazione della specifica tipologia di intervento. Il colloquio di counselling è quindi uno strumento imprescindibile, attraverso il quale il medico raccoglie tutte le informazioni cliniche che gli consentono di rispondere ad alcuni quesiti fondamentali: La persona è davvero motivata a smettere? Possiede tutti gli strumenti e le risorse psicologiche per perseguire tale obiettivo? Qual è il grado di dipendenza psicologica e fisica al fumo di sigaretta? Ci sono fattori ambientali e di stress che è necessario rimuovere, o quanto meno ridurre o modicare, per la piena riuscita della disassuefazione? Qual è l’approccio migliore per conseguire la disassuefazione? Sono presenti disturbi importanti, come quelli depressivi, che richiedono trattamenti specifici?
Dopo il colloquio di counselling è così possibile effettuare un trattamento di agopuntura estremamente mirato e specifico, incrementando le sue probabilità di successo.
LA FASE DIAGNOSTICA. Nel mio studio di agopuntura a Torino, da anni utilizzo utilizzo il counselling per effettuare una diagnosi preliminare molto accurata e precisa. La dipendenza da nicotina possiede infatti caratteristiche distintive spesso molto diverse da individuo ad individuo, e rispondere con la maggiore accuratezza possibile ai quesiti di cui sopra è fondamentale.

counselling2

DIPENDENZA FISICA DALLA NICOTINA. E’ molto difficile scorporare gli aspetti fisici e quelli psicologici della dipendenza dal fumo di sigaretta, poiché essi sono strettamente intrecciati e s’influenzano vicendevolmente. Certamente la nicotina esercita profondi effetti sul funzionamento del cervello, sia di tipo eccitatorio, incrementando l’energia, il tono dell’umore e la capacità di concentrazione, sia di tipo inibitorio, inducendo uno stato di rilassamento e riducendo i livelli di tensione, stress ed ansia. Questi effetti sono sostanzialmente prodotti dal legame della nicotina con specifici “recettori” situati in molte zone del cervello, e possiedono la caratteristica di essere dose-dipendenti, proporzionali cioè al numero di sigarette fumate; quando il corpo viene bruscamente privato di nicotina, non solo tali effetti scompaiono, ma si generano persino effetti opposti, consistenti in apatia, abulia e depressione da un lato -conseguenti allo spegnimento degli effetti eccitatori- ed ansia, tensione, nervosismo ed irritabilità quale conseguenza della cessazione degli effetti inibitori. Tale condizione è nota a tutti come sindrome da astinenza (vedi pagina). E’ quindi intuitivo che maggiore è il numero di sigarette fumate, maggiore è il livello di dipendenza fisica, ma anche la distanza temporale che intercorre tra la prima sigaretta fumata al mattino e l’ultima sigaretta fumata il giorno precedente ci indica la gravità di tale dipendenza: infatti nei casi più seri, la sindrome di astinenza inizia a manifestarsi dopo poche ore, necessitando quindi di ridurre al minimo la “finestra” temporale senza sigarette. Anche la durata massima dei tentativi spontanei di disassuefazione ci indica l’entità della dipendenza fisica: vi sono forti fumatori che non sono mai riusciti ad andare oltre le 24-48 ore! Un terzo fattore ci indica una forte dipendenza fisica dalla nicotina: il fatto di continuare a fumare anche quando ci si trova in uno stato di malattia, ad esempio una bronchite. Valutare il grado di dipendenza fisica da nicotina è molto importante, soprattutto per “calibrare” in modo molto preciso il successivo trattamento di agopuntura, anche in termini di frequenza e numero di sedute.
DIPENDENZA PSICOLOGICA DALLA NICOTINA. Nel mio studio di agopuntura a Torino, pongo inoltre molto attenzione agli aspetti psicologici del tabagismo. La dipendenza psicologica possiede alcune caratteristiche che permettono di distinguerla da quella fisica, e che è possibile individuare dopo 10 giorni circa dalla cessazione del fumo, quando cioè la sindrome da astinenza dovrebbe essere terminata. La ricerca irrefrenabile ed irresistibile della sigaretta – chiamata craving- è una di queste (sicuramente più importante nei primi dieci giorni di sospensione, per la presenza della componente fisica) ma presente in modo più subdolo anche dopo tale periodo, sotto forma di pensieri ed immagini ricorrenti incentrate sulla sigaretta, o sulle situazioni in cui essa veniva fumata, o consistente in un’estenuante lotta contro se stessi, oppure in una sensazione di profondo vuoto emotivo, o ancora nella ricerca di situazioni che sostituiscano le abitudini e i “riti” che scandivano e riempivano le giornate. In particolare la mancanza della gratificazione “orale” è uno degli elementi distintivi della dipendenza psicologica, che ha peraltro portato la psicoanalisi ad interessarsene (Freud riteneva che alla base del disturbo vi fosse una regressione alla fase orale dello sviluppo psicosessuale dell’individuo).

fumo11
Rituali ed abitudini. I rituali e le abitudini che vertono intorno alla sigaretta sono pertanto fondamentali, ed è per tale ragione che nel corso del colloquio di counselling che conduco nel mio studio di agopuntura di Torino li esamino uno ad uno.

fumo12

Spesso è possibile individuare molte di queste situazioni: ritrovi con gli amici e con i colleghi, caffè prima o dopo la sigarette (tra l’altro l’effetto eccitatorio delle sostanze contenute nelle due droghe si somma in questo caso), durante le occasioni di ristoro, durante il consumo di “junk food” (“cibi spazzatura”) o di dolci, nelle pause lavorative, o in precisi momenti della giornata, dove la tensione e lo stress raggiungono i livelli più alti o in cui, paradossalmente, ci si rilassa.

fumo13
La lista è davvero lunga, e talvolta queste associazioni possono essere difficili da individuare senza l’aiuto di un professionista, tuttavia è un lavoro che deve essere necessariamente fatto affinché la disassuefazione riesca. La moderna psicologia cognitivo-comportamentale ha da tempo compreso che tali rituali rappresentano dei condizionamenti, altrimenti definiti rinforzi autoincentivanti, attraverso cui l’esperienza della sigaretta viene amplificata, a livello emotivo (senso di piacere ad esempio), cognitivo (pensieri positivi di autostima) e comportamentale (ricerca di tali comportamenti tutte le volte che è possibile). Dal punto di vista neurobiologico, il rituale associato alla sigaretta -anche da solo, in assenza cioè della sigaretta stessa- diventa capace di stimolare potentemente specifici circuiti cerebrali chiamati “circuiti della ricompensa”, che rilasciano un potente neurotrasmettitore, la dopamina, capace di generare un profondo senso di euforia e benessere. L’individuo è portato a reiterare questi rituali, che rilasciano in sé una certa dose di dopamina, ma che inducono i massimi livelli di benessere e piacere – ed il massimo rilascio di dopamina- quando sono vissuti insieme allo stimolo al quale sono “associati”, la sigaretta.

ricompensa3

Pertanto, è importante la cessazione di tali rituali, poiché, in condizioni di stress, l’individuo ricerca in modo naturale ed istintivo la sigaretta per amplificare quanto più possibile gli effetti psicologici e neurobiologici di questi rituali: vi è in sostanza un effetto “memoria” che fa ricadere il fumatore. Un trucco è quello di individuare uno per uno i rituali e sostituirli con altri altrettanto piacevoli ma non collegati in nessun modo con la sigaretta. Questo è quanto viene fatto regolarmente nel mio studio di agopuntura a Torino.
Fattori psicologici non specifici. Nel tabagismo esistono molteplici rinforzi di tipo psicologico, autoincentivanti e automotivanti, che alimentano e mantengono nel tempo l’abitudine a fumare. In particolare, i rituali incentrati intorno al fumo, e gli aspetti della gratificazione “orale” – che non riguardano solo aspetti sensoriali come il gusto ed il tatto, ma anche aspetti simbolici di accudimento, rassicurazione e “nutrimento”- rappresentano elementi psicologici determinanti. Tuttavia essi sono “aspecifici”, presenti cioè in tutti i fumatori, e che prescindono largamente dalla personalità degli stessi.
Altri elementi aspecifici che caratterizzano la quasi totalità dei fumatori sono il sentimento di impotenza ed i vissuti di schiavitù, derivanti dall’incapacità di fare a meno del fumo e dallo stato di malessere in assenza delle sigarette. La ridotta autostima ed il senso di colpa sono altri due elementi che accomunano quasi tutti i tabagisti; dal punto di vista cognitivo, tali vissuti si accompagnano a pensieri tipici, come “non riesco a farcela” “sono un debole” “non mi piaccio”. Se è vero che tali vissuti e pensieri sono disfunzionali, e contribuiscono a mantenere il circolo vizioso della dipendenza, è altrettanto vero che non tutti i pazienti devono iniziare necessariamente un percorso di psicoterapia.
Infatti, questi elementi, in linea di massima, accomunano tutti i tipi di dipendenza, e quindi la terapia non deve focalizzarsi su essi; spesso, superata la fase delle sindrome di astinenza, i pensieri e le emozioni si autoregolano, lasciando il posto ad un incremento dell’autostima, e ad un sentimento di orgoglio e fiducia nelle proprie capacità. Occorre quindi concentrare il lavoro soprattutto su come conseguire in modo rapido ed efficace la disassuefazione, piuttosto che avventurarsi in complesse interpretazioni psicologiche delle cause del disturbo.
Fattori psicologici specifici. Ben diverso è il ruolo di fattori psicologici specifici del singolo individuo, che spesso segnano l’esordio della dipendenza dalla nicotina, come nel caso di malattie proprie o dei propri cari, traumi importanti, lutti o separazioni difficili da elaborare. In questi casi, se non si risolve la causa che ha generato la dipendenza, è probabile che ogni tentativo di disassuefazione sia infruttuoso, per varie ragioni.
In alcuni casi la dipendenza ha il significato di “compensare” una perdita importante, e pertanto non appena si prova ad interrompere l’abitudine del fumo subentra una sensazione di vuoto intollerabile, che va ben al di là dei normali sintomi astinenziali. Nei disturbi post-traumatici invece la dipendenza tabagica può rappresentare un diversivo per non affrontare l’insopportabile peso del trauma mai elaborato. In questi casi è quindi necessario intraprendere un lavoro psicoterapeutico specifico per elaborare le perdite, i lutti e i traumi.
La sigaretta può anche essere una vera e propria cura per la depressione; sospendere il consumo di sigarette in modo brusco in questi casi è assolutamente controindicato, poiché potrebbe slatentizzare un disturbo depressivo anche grave. Riconoscendo tale disturbo sottostante, è invece più appropriato il ricorso ad una valutazione specialistica psichiatrica per impostare una terapia antidepressiva associata ad una psicoterapia.
Lo stesso discorso vale per i disturbi d’ansia, quali il disturbo d’ansia generalizzato ed il disturbo di panico, nei quali la sigaretta è utilizzata per i suoi effetti ansiolitici.
Anche per queste ragioni, è importante una prima seduta di counselling in cui il medico valuterà con il paziente gli aspetti psicologici specifici.
Come si può intuire, il colloquio di counselling necessita quindi di competenze ad “ampio spettro”, che è possibile trovare nel mio studio di agopuntura a Torino.

QUANDO LA SIGARETTA PROCURA PIACERE. Molti fumatori fumano quasi solo per abitudine, senza trarre dalla sigaretta un reale piacere.
Altri, soprattutto i grandi fumatori, provano persino disgusto a fumare, ma sentono di non poterne fare a meno. Ma una certa quota di fumatori prova reale piacere a fumare: per essi la disassuefazione è senza dubbio più impegnativa, per le ragioni di tipo neurobiologico che abbiamo visto, relative soprattutto alla liberazione di dopamina nelle aree della ricompensa del cervello. Occorre sostituire il piacere derivante dalle sigarette con una sensazione almeno equivalente come qualità ed intensità, ricercandola in situazioni non dannose per la propria salute. Questa ricerca è essenziale, e richiede chiaramente un’alta motivazione da parte del soggetto. Nel colloquio di counselling è molto importante essere chiari su questo punto, per non generare aspettative poco realistiche rispetto alla riuscita dell’intervento. Con sforzo, lavoro e costanza, e calibrando i giusti interventi, la disassuefazione è comunque possibile anche in questi soggetti.

“Da diversi anni il dottor Giuseppe Fatiga si occupa di disassuefazione dal fumo nel suo studio di via Monte Santo 6 a Torino. Puoi chiamarlo direttamente al 3405499616