IL COUNSELLING E L’AGOPUNTURA

“Il dottor Giuseppe Fatiga è un esperto di disassuefazione dal fumo. Riceve a Torino in via Monte Santo 6. Puoi contattarlo al 3405499616

Tutti i pazienti fumatori, prima di iniziare un trattamento di disassuefazione, devono essere sottoposti ad una valutazione iniziale di “counselling”. Nel mio Centro Antifumo di Torino questa è una condizione imprescindibile, senza la quale nessun trattamento viene e verrà somministrato. Occorre infatti valutare tutta una serie di elementi, affinché gli interventi di disassuefazione con agopuntura ed auricoloterapia possano essere “mirati” e avere successo.
VALUTAZIONE DEL GRADO DI DIPENDENZA FISICA. Il protocollo di disassuefazione con agopuntura e auricoloterapia deve essere stabilito sulla base del grado di dipendenza fisica da nicotina: maggiore è il grado di tale dipendenza, più ravvicinate dovranno essere le sedute. Anche la scelta dei punti da utilizzare e la loro esatta combinazione saranno influenzate da tale fattore.
VALUTAZIONE DELLA DIPENDENZA PSICOLOGICA. Occorre identificare tutti i fattori psicologici che sostengono la dipendenza, ed in particolare i “rituali” associati al fumo, che andranno sostituiti con altri comportamenti non dannosi ed ugualmente piacevoli ed appaganti. Occorre anche valutare se esiste uno specifico disagio emotivo oppure veri e propri disturbi psichiatrici – come la depressione- che sostengono il tabagismo.
VALUTAZIONE DELLA MOTIVAZIONE. La presenza o meno di una forte e reale motivazione condiziona la riuscita della disassuefazione. Alcuni individui pensano di essere motivati, per il solo fatto di avere “accarezzato” l’idea di smettere – magari perché spinti dai familiari- ma non è così. Altri ammettono di non avere una sufficiente fiducia in se stessi, ma vogliono provare lo stesso. Queste sono situazioni non idonee alla disassuefazione, gravate da alta probabilità di insuccesso. La reale motivazione, ribadiamo, possiede tre elementi, che verranno valutati attentamente nel corso del counselling: primo, la consapevolezza di avere un disturbo, anzi una vera e propria malattia – secondo, la piena consapevolezza di avere le risorse sufficienti, nel qui ed ora, per risolvere il problema – e terzo, la coscienza che vi saranno ostacoli e che non sarà facile, ma che verranno superati uno ad uno con l’aiuto del terapeuta. Il qui ed ora è un fattore essenziale: può essere che il soggetto possieda tutte le risorse per smettere per sempre, ma che in quel momento e in quel contesto non vi siano le condizioni ideali, per la presenza ad esempio di fattori di stress che non possono essere rimossi. Se sia il caso di intraprendere subito l’intervento di agopuntura, oppure di rimandare ad un momento più propizio, è di esclusiva e insindacabile pertinenza del medico valutatore. Questo punto è importante: gli studi dimostrano infatti che l’alto numero di insuccessi – intendo con insuccessi i tentativi di disassuefazione andati a vuoto- fa perdere al soggetto sempre più la fiducia in se stesso, riducendo le probabilità di riuscire a smettere in futuro. Ciò non deve spaventare chi ha tentato di smettere diverse volte e non ci è riuscito – ricordiamo che si può smettere per sempre in qualsiasi momento se si è motivati- ma vuole semplicemente portare il soggetto a non prendere sottogamba i tentativi di smettere, e a valutarli e programmarli in modo accurato e responsabile con l’aiuto di un medico qualificato, quale troverà nel mio Centro di Torino.
E se la disassuefazione non è indicata in quel momento? Anche se si decide che la tecnica di agopuntura non è indicata in quel momento, il colloquio di counselling ha una forte valenza terapeutica. Infatti, il medico fornirà al fumatore preziose informazioni sulle caratteristiche della sua dipendenza, sui fattori emotivi e psicologici che l’alimentano, sui modi di incrementare la spinta motivazionale, insomma sulle aree che vanno rafforzate prima di intraprendere un percorso di disassuefazione con l’agopuntura. Non è neppure escluso che facendo tesoro di ciò che emerso durante il colloquio il fumatore possa nel tempo trovare la motivazione e le risorse interiori per smettere definitivamente, anche da solo.

“Il dottor Giuseppe Fatiga è un medico agopuntore esperto nella disassuefazione tabagica. Lavora a Torino nel suo studio di via Monte Santo 6. Contattalo direttamente al 3405499616