MAL DI SCHIENA: IL CASO DI FRANCESCA

“Il dottor Giuseppe Fatiga è esperto nel trattamento con agopuntura del mal di schiena. Chiamalo al 3405499616 per prenotare una seduta”

Francesca è un’insegnante di danza di 35 anni. Ha sempre sofferto, saltuariamente, di mal di schiena,, ma da 5 mesi il dolore si è intensificato, è presente quasi tutti i giorni ed ovviamente ostacola il suo lavoro. Francesca stringe i denti, ma è preoccupata di non riuscire più a svolgere la sua attività. In casi come il suo, i movimenti del rachide sono solo lievemente ridotti – per lo più la flessione in avanti – grazie alla sua muscolatura tonica ed allenata, tuttavia è evidente una marcata contrattura della muscolatura “paravertebrale” della regione lombare, che “protegge” i dischi vertebrali che hanno sicuramente una sofferenza. In effetti la risonanza magnetica di un anno prima documenta multiple protrusioni discali (si veda la pagina DISCOPATIA LOMBARE) ) nel tratto compreso tra L2 ed L5, senza che vi sia una vera e propria ernia discale.

Il trattamento con agopuntura è senza dubbio indicato, ma non è semplice, perché in casi come quello di Francesca sarebbe indicato il riposo per diverse settimane, per far sì che l’agopuntura possa risolvere lo stato di infiammazione e di contrattura della colonna vertebrale.
La prima seduta si svolge senza problemi particolari, ed al termine di essa Francesca appare rilassata e soddisfatta, anche perché ha verificato che l’agopuntura non è dolorosa come pensava.
Al secondo appuntamento, Francesca mi riferisce che “le sembra che il dolore si sia leggermente ridotto”, e procediamo dunque con la seconda seduta.
Al terzo appuntamento mi riferisce di nuovo che avverte il dolore con minore intensità, ma che in certi momenti esso è comunque forte.
Al quarto appuntamento, mi dice: “questa settimana non è andata bene, il dolore era anche più forte”. Le spiego che l’agopuntura, soprattutto nelle prime sedute, determina miglioramenti che non sono ancora stabili, e che è assolutamente normale che in certi momenti il dolore sia ancora più forte, anzi è proprio il segno che l’agopuntura sta lavorando in modo molto potente. Procediamo con la quarta seduta.
Al quinto appuntamento Francesca mi riferisce: “non riesco a capire se stia andando meglio, in certi momenti mi sembra di sì, poi invece il dolore torna anche più forte”. E’ tutto normale, le spiego, poiché siamo davvero nel cuore del trattamento, e l’agopuntura sta davvero lavorando in profondità. Tuttavia reputo che sia il caso di diradare le sedute, e di vederci ogni due settimane, anche per dare più tempo a Francesca di verificare su un lasso di tempo maggiore gli effetti della seduta.
In effetti al sesto appuntamento Francesca riferisce di aver notato chiaramente di essere migliorata rispetto all’inizio; questo le dà anche una maggiore fiducia nel proseguire la terapia.
Si va avanti così fino alla decima seduta, con un miglioramento sempre maggiore e sempre più stabile, finché il mal di schiena non scompare completamente. A distanza di due anni rivedo Francesca che mi riferisce di aver sofferto solo saltuariamente di un lieve mal di schiena, che tuttavia in poco tempo scompariva, e tutto ciò continuando a svolgere attività fisica sostenuta praticamente tutti i giorni.

Commento. Il caso di Francesca non era affatto semplice, poiché gli effetti dell’agopuntura erano in parte annullati dagli sforzi continui a cui la sua schiena era sottoposta. Forse sarebbe stato meglio per lei interrompere per un mesetto il suo lavoro, per dare il modo alla sua schiena di guarire prima, ma forse è stato meglio così. E’ difficile infatti prevedere quali ripercussioni psicologiche avrebbe comportato la sospensione dell’attività che Francesca ama così tanto, e che funge peraltro da “valvola di sfogo” delle sue tensioni emotive.

“Il mal di schiena può essere curato efficacemente con l’agopuntura del dottor Giuseppe Fatiga. Chiamalo al 3405499616 per prenotare una seduta con lui”