Il collo: l’ernia del disco

Se la tua ernia cervicale ti procura dolori insopportabili, sappi che i farmaci non sono l’unica tua possibilità di cura. Il dott.Giuseppe Fatiga pratica con successo l’agopuntura

La colonna cervicale è composta da sette vertebre cervicali, disposte l’una sopra l’altra a formare un asse. Tra una vertebra e l’altra si trovano uno speciale “cuscinetto” ammortizzatore, chiamato disco, che non solo assorbe il peso del cranio, ma attutisce l’effetto degli urti e dei traumi che si verificano nel corso dei movimenti e nel sollevamento/spostamento di pesi.

Ogni disco è composto da una parte centrale molto ricca d’acqua e di consistenza gelatinosa, chiamata nucleo polposo, e da una porzione periferica, più dura e resistente, chiamata anello fibroso. In seguito a traumi violenti, o a sforzi ripetuti in modo esagerato nel tempo, gli anelli fibrosi dei dischi possono lacerarsi; il nucleo polposo fuoriesce, dando origine a quella che chiamiamo ernia.

L’ernia può determinare così uno schiacciamento delle radici nervose del collo o del midollo spinale Compare un dolore lancinante al collo, che può interessare anche l’arto superiore, fino alle dita della mano. La lesione delle radici nervose può portare ad alterazioni della sensibilità dell’arto superiore: si va dalla sensazione di formiche che camminano sulla pelle alla vera e propria perdita della sensibilità al tatto.

Oppure può verificarsi una riduzione della forza dei muscoli dell’arto superiore. In casi ancora più seri, l’ernia può comprimere il midollo spinale, causando una lesione delle fibre nervose dirette agli arti inferiori. In questa situazione potranno comparire alterazioni della sensibilità o dei movimenti degli arti inferiori, con difficoltà a camminare.

VALUTAZIONE NEUROCHIRURGICA

Tutte le ernie cervicali vanno quindi sottoposte ad un’approfondita valutazione neurochirurgica per valutare l’opportunità di un intervento chirurgico. Nelle situazioni in cui non sia indicato l’intervento chirurgico, l’agopuntura si dimostra molto efficace nel trattare la sintomatologia causata dall’ernia discale.

La sua azione antidolorifica permette di attenuare in breve tempo i dolori del collo e del braccio, mentre la sua azione di rilassamento della muscolatura elimina il torcicollo e le alterazioni posturali. Molto utile è anche l’effetto antinfiammatorio dell’agopuntura sui nervi schiacciati dall’ernia.

Il ciclo di trattamento prevede una seduta alla settimana per 4-5 settimane nella fase acuta, ed una seduta al mese come terapia di mantenimento. Il trattamento di agopuntura deve essere protratto per diversi mesi, finchè non si completano i fisiologici processi di “riassorbimento” dell’ernia, consistenti nella perdita della componente acquosa e nella riduzione delle dimensioni.

A questo punto l’ernia cessa di comprimere le strutture nervose del collo, e si può valutare la sospensione del trattamento di agopuntura. La maggioranza delle ernie cervicali non necessita di intervento chirurgico, e può pertanto giovarsi dell’agopuntura.

Per curare la tua ernia del disco, prenota una seduta di agopuntura chiamando direttamente il dott. Giuseppe Fatiga al 3405499616