La tecnica di auricoloterapia

INSERIMENTO DI PICCOLI AGHI SUI PUNTI SENSIBILI
L’agopuntura auricolare utilizza aghi molto sottili, studiati appositamente per l’orecchio, che vengono delicatamente infissi in corrispondenza dei punti sensibili, per una profondità che non supera i due millimetri, e lasciati agire per qualche minuto.

Questa agopuntura esercita un’azione immediata: i segnali nervosi si propagano velocemente lungo le vie nervose, come se percorressero un’autostrada, raggiungendo in brevissimo tempo l’organo ammalato, dove attivano i meccanismi di guarigione.

Già al termine della prima seduta il paziente avverte una riduzione del dolore importante e spesso la sua completa scomparsa. E’ proprio questo a rendere unica l’agopuntura auricolare: la sua rapida efficacia, già dalla prima seduta

Affinchè i risultati siano mantenuti nel corso dei giorni successivi, alla fine della seduta si applica sul punto sensibile un ago a permanenza: si tratta di un micro- ago, quasi invisibile ad occhio nudo, che viene ricoperto con un cerottino e che rimane in sede fino a due/tre settimane.

AGO A PERMANENZA
L’ago a permanenza ha la capacità di continuare a stimolare il punto sensibile, prolungando i benefici della seduta per giorni o settimane. Una volta rimosso l’ago a permanenza, si formano delle micro-cicatrici che continuano a stimolare per diversi giorni il padiglione, mantenendo attivi i benefici riflessi. Alla fine queste microscopiche lesioni scompaiono completamente, senza lasciare alcuna traccia sul padiglione auricolare.

STIMOLAZIONE CON CORRENTI ELETTRICHE
L’applicazione di correnti elettriche di basso voltaggio permette di stimolare in modo efficace i punti auricolare a minore resistenza elettrica. I sofisticati apparecchi utilizzati consentono al medico di regolare in modo molto fine e graduale le micro-correnti utilizzate, in modo da non causare nessun disagio al soggetto. La stimolazione elettrica è particolarmente adatta per i soggetti che hanno paura degli aghi, o che preferiscono una tecnica meno invasiva dell’ago.

STIMOLAZIONE CON MAGNETI E CON IL MASSAGGIO AURICOLARE
Due magneti di piccole dimensioni, ma molto potenti, sono posizionati sui due lati del padiglione auricolare, uno su quello interno e l’altro su quello esterno: attraendosi, si fissano saldamente l’uno all’altro, ed esercitano una stimolazione efficace dei punti sensibili alla pressione.

Anche questa è una tecnica non invasiva, così come il massaggio delle zone sensibili dell’orecchio: si esercitano delle pressioni contrapponendo l’indice e il pollice ai due lati del padiglione, in corrispondenza del punto sensibile.